PERCHÉ UNA PSICOTERAPIA DI COPPIA

Una coppia è altro dai singoli individui e, se una coppia sta male, bisogna portarla dal dottore

Perché una psicoterapia di coppia?

Una coppia è altro dai singoli individui e se una coppia sta male bisogna portarla dal dottore. Ci sono malattie curabili e malattie incurabili.

L’amore è una costruzione umana e culturale: è fatto di chimica e di schemi culturali. Esiste una chimica delle relazioni che a volte si altera ed è necessario scoprire quale elemento ha alterato la chimica.

Perché stiamo in relazioni che ci fanno male? Spesso le relazioni coprono dei nostri bisogni che facciamo fatica a esprimere. Il male quotidiano di una relazione che non funziona è peggio del male della separazione. A volte facciamo pagare all’altro le nostre carenze e i nostri bisogni non soddisfatti. Non si può chiedere all’altro ciò che non è in grado di dare. Si corre il rischio di torturarlo e di farlo sentire sbagliato.

Dobbiamo riconoscere le nostre aspettative relazionali, sapere che sono aspettative e non desideri e al contempo dobbiamo conoscere i nostri bisogni fondamentali. Una coppia funziona quando s’incontrano i bisogni e quando c’è un progetto e una direzione condivisa.

A volte, durante il cammino, c’è chi si accorge che i propri bisogni sono cambiati o fa fatica a restare nel progetto. La terapia di coppia è un cammino di consapevolezza in cui, attraverso una comunicazione ecologica e la messa in gioco delle proprie emozioni e desideri, si lavora affinché si possano appianare le divergenze, superare i conflitti e/o i traumi vissuti, affrontare in maniera più funzionale cambiamenti sia che siano stati previsti che imprevisti, superare eventuali difficoltà sessuali, comprendersi meglio e ridisegnare un nuovo equilibrio nutriente per entrambi. Spesso ritrovare la “scintilla” persa è possibile e ritrovarsi è, seppur difficile, ricco di emozioni e soddisfazioni.

Non sempre, però, è così e anche aiutare i “feriti d’amore” a vedere che quello che non ha funzionato è il progetto e non le persone che ne hanno fatto parte è un modo per dare dignità a quello che è stato, prendersi “il buono” e salutarsi nel rispetto e la benevolenza.

Contattami

Per chiedere un’informazione, porre una domanda, fissare un appuntamento…

+39 347 974 5825

Via Antonio Zanolini 19/5, Bologna

Via Carlo Porta 7/a, Bologna